Translate

Chi cerca... Trova!

sabato 15 settembre 2012

300: Robert Crumb – R. Crumb disegna il Blues




I grandi libri di Comix, 1993
(USA, storie varie, anni '80)

Mi piace far casino e litigare, mi piace far casino e litigare, signore, e ubriacarmi duro con una bottiglia e ballare e camminare per la strada tutta la notte.”
(Charley Patton, Ever green blues)
Due grandi e inimitabili artisti: Janis Joplin e Robert Crumb.

Quando pensiamo al fumetto underground il primo artista che ci viene in mente è Robert Crumb. Nativo di Philadelphia e avvicinatosi al movimento underground negli anni '60 l'artista americano, con la collaborazione di altri colleghi del movimento, crea la mitica rivista tascabile Zap Comics, in cui pubblicherà le storie dei suoi personaggi più famosi: Fritz il gatto (primo esempio di porno fumetto) e Mr. Natural.
Ma il nome di Crumb è indissolubilmente legato anche alla musica. Negli anni '60 disegna la copertina del primo album di Janis Joplin, Cheap Thrills e nel decennio successivo fa parte di un complesso che si esibisce suonando jazz e blues tradizionali.
l "fast blues" meglio noto come "boogei woogie" nei locali riservati solo alla gente di colore.
Quindi non stranisce che tra gli anni '70 e '80, Crumb abbia fuso le sue due grandi passioni, fumetto e musica (per la verità ne ha anche una terza, il sesso, riscontrabile nei suoi fumetti) in una serie di storie che come tema hanno proprio la sua musica prediletta: il blues.
 La provincia americana magistralmente raffigurata da Crumb a ritmo di blues.
Robert Crumb racconta il Blues è un libro meraviglioso perché è adornato dalle sublimi tavole di Robert Crumb, che in questo collage di storie ci immerge nella sua musica prediletta, ce la fa conoscere attraverso le storie di sconosciuti blues man durante la grande depressione, come nella meravigliosa storia iniziale dedicata a Charley Patton in cui Crumb ci fa respirare la vera America, quella stessa descritta da Steinbeck in Furore, costruita col sudore della povera gente di colore, schiavizzata nei campi di cotone e per cui quella musica rappresentava un sogno d'evasione. Del resto è proprio nelle campagne del sud che il blues nasce e si sviluppa arrivando nelle prime cittadine americane dove verrà rielaborato con il furore e la rabbia di chi, ricurvo in qualche locale malfamato, pestava i tasti di un pianoforte scordato ricavandone un ritmo (il famoso boogie woogie) che avrebbe fatto la storia della musica spianando la strada a cantautori come Robert Johnson e a voci meravigliose come Bessie Smith e Billie Holiday. Ma anche storie come Così è la vita e Jelly Roll Morton's non sono da meno, tra un blues man campagnolo che cerca il successo a Menphis e un'altro la cui vita è stata sacrificata al diavolo.
Robert Crumb: amore per il blues e ironica denuncia alla musica moderna. Ma soprattutto genio underground.
Ma non mancano piccole perle come la storia in cui Crumb denuncia la musica moderna (il rock degli anni '80), o quella dedicata a Jimi Hendrix, Purple Haze, fino ad arrivare alle deliranti tavole di Cubist Be Bop Comics.
C'è tutto Crumb in questo libro: musica, violenza, erotismo, povertà, comicità e desolazione si fondono magnificamente nel suo stile underground, in cui d'avanti ai nostri occhi passano alcune tra le tavole più belle mai realizzate dall'artista americano, con un tratto che sembra fondere vecchie incisioni coi disegni di E. C. Segar e George Harriman, ottenendo uno stile che avrebbe segnato un'intera generazione di fumettisti del calibro di Gilbert Shelton, Martin Kellerman, Aleksandar Zograf e Chester Brown; allo stesso modo come gran parte del fumetto indipendente degli anni a seguire deve a Robert Crumb quella libertà creativa e stilistica oggi tanto sbandierata.
Quel Robert Crumb portabandiera del movimento hippie che negli anni '60 stampava i suoi fumetti su oscuri giornaletti underground, si nutriva di zollette di zucchero aromatizzate all'LSD e propagava liberamente sesso e droga come una rivoluzione culturale.
Il giovane Robert Johnson raffigurato in un racconto di Crumb.

Curiosità

La passione di Crumb per la musica Blues lo porterà ad essere l'autore della cover di uno degli LP più famosi della storia del Rock, ovvero Cheap Thrills della Big Brother and the Holding Company. L'album è cantato d Janis Joplin, definita la più grande voce blues bianca.
La cover di Cheap Thrills interamente realizzata da Robert Crumb.

Edizione consigliata

Pubblicato nella collana I grandi libri di Comix (la stessa Comix che qualche anno più tardi riempirà le librerie di tutta Italia con la sua agenda) in un volume dal formato gigantesco, cartonato, con una bellissima prefazione di Ferruccio Alessandri e una postfazione di Vinicio Capossela.

Altre edizioni

Gran parte delle storie sono state ripubblicate nel 2008 dall'editore indipendente Comma 22 nel bel volume Mister Nostalgia.

Oltre 300: dello stesso autore non perdere...





Nessun commento:

Posta un commento

I testi apparsi su "Avventure di carta" sono tutti scritti da Ned (Nedeljko Bajalica) e possono essere pubblicati anche altrove, con la raccomandazione di citare la fonte e gli autori!

Le immagini sono qui inserite al solo scopo di documentazione e sono © degli aventi diritto.