Translate

Chi cerca... Trova!

martedì 30 ottobre 2012

Jac e Ned 16° capitolo: Verso la fine...



Jacovitti nel suo studio.
Il 1997 fu l'ultimo anno della nostra collaborazione e, purtroppo, fu anche l'ultimo anno di vita di Jacovitti.
Dopo Cocco Bill di qua e di là iniziammo una serie di storie brevi per Il Giornalino.
Inutile dirvi che, purtroppo, le storie di Franco non erano del solito buon livello e, consapevole di questo, provai a parlarne con lui, stando attento a non ferire il suo orgoglio artistico.
Gli chiesi di realizzare la tavola unicamente con un leggero schizzo a matita senza usare il pennino: in questo modo avrei avuto di più la situazione sotto controllo e avrei potuto realizzare un disegno che ricordasse di più il suo stile degli anni '60, il suo miglior periodo.
Niente da fare. In una divertente “letterona” che mi inviò il 14 gennaio insieme alle prime 20 tavole da inchiostrare per Il Giornalino mi disse espressamente: Non pensare ai miei disegni degli anni '50-'60, pensa a come disegno oggi. Ok?.
Inoltre mi incitava a lavorare più in fretta e io, in queste condizioni, svolsi un lavoro mediocre; il problema era che a Franco andava bene. A me decisamente meno. Credetemi, non è piacevole fare qualcosa con la consapevolezza di non farla bene; per questo in me non c'era più l'entusiasmo di una volta.
A questa perdita che sentivo dentro di me, si aggiungeva ancora l'amarezza per non aver visto il mio nome nei credit di Cocco Bill di qua e di là; non c'era, inoltre, da parte di Franco, una reale collaborazione per il fumetto che stavamo realizzando insieme: RAP.
Ripensavo all'emozione dei primi incontri, ai primi disegni, come le cover di Cocco Bill e Tom Ficcanaso, e non riuscivo a provare le stesse sensazioni. Onestamente vedevo più Jacovitti nei disegni di RAP che realizzavo da solo cercando di imitare il suo glorioso stile (disegni peraltro penalizzati dalla stampa: le strisce originali erano 60x30 e ridotte a un formato tascabile perdevano tutto il tratto a pennino che era la caratteristica di Jac) che nelle ultimi storie di Cocco Bill.
Per il Giornalino inchiostrai una storia di otto tavole, Cocco Brrrr! Inoltre Franco aveva realizzato, sempre con il Cocco protagonista, delle panoramiche: Coccobillando e Coccobillagini.
Ci incontrammo per l'ultima volta a Roma; nella capitale tornavo una tantum per vedere Jac e incontrare qualche mio amico.
Andammo a mangiare nello stesso ristorante di uno dei nostri primi incontri nell'ottobre del 1992. Fui io a invitarlo, ma lui aveva già pagato tutto prima ancora di sederci a tavola. Ricordo che si prese una fetta di torta gigantesca, lui che era diabetico. Gli rivolsi allora uno sguardo tra l'interrogativo e lo stupito, al quale lui rispose: “Lo so, non dovrei, ma tanto chi mi vede? E quindi me la mangio lo stesso!”. Come sempre, anche quella volta, tenni fede al mio motto: semper fidelis.
Ritornai a Lecce senza nessuna tavola da inchiostrare, il che mi sembrò strano.
Una delle  divertenti letterone formato 70x50 che Jac era solito inviarmi insieme ai disegni da inchiostrare.
Poi un giorno, credo prima che partisse per le sue consuete vacanze a Forte dei Marmi, Franco mi chiamò al telefono. Niente di inusuale, ci sentivamo praticamente ogni giorno; dopo il solito scambio di saluti incominciò a dirmi che gli era venuto l'entusiasmo di fare tutto da solo, che voleva ritornare a inchiostrare lui le sue tavole, insomma mi disse che al momento non aveva più bisogno di me. Dopo quasi cinque anni in cui praticamente ho inchiostrato (e spesso anche interamente realizzato) i suoi disegni, s'interrompeva questa collaborazione.
Inutile dirvi che fu un colpo al cuore per me e credo che anche Franco se ne accorse. Ma acconsentii e gli espressi la mia felicità per questo suo ritorno d'entusiasmo anche se qualcosa non mi convinceva. Ma non ci pensai.
Differenze di stile: a sinistra Cocco Bill realizzato da Jac e Ned nel 1992 mentre a destra una tavola da
Cocco Bill di qua e di là sempre realizzata dal duo nel 1997.
Continuammo a sentirci comunque. Mi chiamava per sapere come stavo e mi diceva che forse sarebbero arrivati dei nuovi lavori e che quindi mi avrebbe fatto sapere. Poi mi fece pervenire delle sue tavole inchiostrate da lui per farmi vedere come procedeva il lavoro sulle tavole di Cocco Bill da lui interamente realizzate. Una volta mi chiamò, per dirmi di vendere un po' dei suoi disegni che mi regalava di tanto in tanto, credo pensasse che economicamente fossi un po' alle strette, ma non mi sono mai permesso di farlo, finché Jac era in vita.
A settembre del 1997 Franco rientrò a Roma e riprese a lavorare.
Furono i suoi ultimi tre mesi di vita.

Nessun commento:

Posta un commento

I testi apparsi su "Avventure di carta" sono tutti scritti da Ned (Nedeljko Bajalica) e possono essere pubblicati anche altrove, con la raccomandazione di citare la fonte e gli autori!

Le immagini sono qui inserite al solo scopo di documentazione e sono © degli aventi diritto.